La collezione Mirages è un ritorno alle origini. 

L'innovazione porta una dimensione autentica e pressoché primaria, in cui i diversi elementi ne sono la chiave. 
Abbiamo lasciato fare alle forze della natura, acqua, sole, vento e fuoco, 
guidati con umiltà dall'abile mano dell'artigiano verso una nuova via decorativa. 

Il rovere antico, il valore del tempo.  
Bisogna andare a cercare l'origine del rovere antico nelle vecchie case dell'Europa centrale risalenti al XVIII e XIX secolo. I nodi del legno sono trasformati in spesse assi grezze, incastrate le une nelle altre per realizzare le pareti e la struttura delle piccole abitazioni rurali. 200 anni dopo, la superficie erosa e l'aspetto vissuto del legno sono il risultato naturale dell'azione del tempo e della luce. L'orientazione e la durata dell'esposizione del rovere alle intemperie sono gli elementi che hanno dato vita all'attuale fisionomia delle assi. Selezionate con cura, rivelano un rilievo singolare e profondo, una tonalità naturale e cangiante senza artificio, per vivere oggi una nuova vita. 

Il tiglio scolpito e carbonizzato, opera della mano e del fuoco. 
La mano scolpisce su un legno grezzo una scacchiera vibrante, dall'aspetto incompiuto. Un primo fuoco brucia, con perizia e attenzione, la superficie del legno. Il gesto viene ripetuto fino a ottenere una vera combustione e a svelare un materiale craquelé, carbonizzato e di un nero unico. Da questa maestria casuale, dove legno e fuoco si impegnano in un gioco di lotta e seduzione, nasce una strana finitura in cui colore e texture sono un tutt'uno.

Il marmo nero Sahara, un tessuto di pietra. 
Andare alla ricerca di un minerale nel cuore della terra è qualcosa di eccezionale e di magico. Questo, estratto dalle profondità del deserto tunisino, è stupefacente. Sono serviti milioni di anni di fossilizzazione dell'oro nero per ottenere l'attuale morfologia della pietra. Su un fondo di eleganti strati scuri si intrecciano delle vene naturali bianche e color zafferano, dal disegno unico che ricorda un tessuto artigianale africano. 

L'acciaio ossidato, vestigia moderne. 
Questo acciaio spesso e robusto è la base comune di ogni pezzo. Con gambe a staffa o a treppiede, sottolineate da un grande filo di saldatura applicato a mano, dona vita a supporti dall'aria minimalista e rassicurante. Il tempo gioca dalla sua parte e la sua finitura "Corten", dall'aspetto arrugginito a seguito degli oltre 20 giorni di ossidazione, gli conferisce un aspetto vissuto dalle sfumature brune e arancioni, nonché un'aria antica e grezza molto moderne.